Trovare un equilibrio

​Abbiamo adolescenti che crescono in un mondo sociale, tra Facebook e Instagram. Un mondo dove si mettono filtri, dove ognuno pubblica il meglio di sé, un mondo finto. La realtà non è così. 
Abbiamo una generazione che vuole tutto subito e cresce con livelli di autostima più bassi delle altre. 
Le cose più importanti non si imparano sui social. L’amore, l’amore per la vita, la gratificazione sul lavoro, la fiducia nelle proprie capacità, sono cose per cui ci vuole tempo e tanta pazienza ma di cui non puoi fare almeno.
Abbiamo il compito di riparare il danno e imparare la pazienza e le abilità sociali, reali, vere. 

Non perdetevi questo video! 

Alzati e rivivi

Conosco tante persone, che dopo la fine di una relazione amorosa, specialmente se non è la prima delusione, perdono la speranza, si demoralizzano buttandosi giù di morale e arrivando quasi alla depressione. Scrivo a loro e a chiunque passi un periodo così.
Voi valete tantissimo. Non siete quello che vogliono farvi credere gli altri mentre vomitano parole piene di cattiveria, che servono soltanto per sentirsi migliori e hanno lo scopo di ferirvi. Non accettatele, fatevele scivolare addosso, rifiutate di litigare e le cattiverie torneranno al loro mandante. Voi siete responsabili soltanto delle vostre azioni, non delle scelte altrui.
Ogni cosa ha un inizio e una fine e così anche le relazioni. Ci s’innamora, ci si dedica anima e corpo al altro ed è meraviglioso, perché l’amore e ciò che ci nutre, ma se per vari motivi la persona cui avevamo affidato il nostro cuore ci delude e non condivide più il nostro amore, la vita va avanti lo stesso. Gli amori vanno e vengono e ognuno di essi ci porta qualcosa di buono, ci fa sentire vivi, apprezzati, importanti, ci fa sorridere nei momenti bui. Ogni amore contribuisce al nostro benessere, per un breve o lungo tempo. Quando invece, il rapporto non porta più benessere ma sofferenza, vuol dire che è un amore malato e se non c’è più modo di curarlo è ora di cambiare.
Non concentratevi sulle liti e tutti i brutti momenti che seguono il distacco ma guardate tutto quello che vi ha dato nei momenti felici e siate grati.
È del tutto normale soffrire, state rinunciando a qualcosa che vi rendeva felici e in un certo senso completi, e servirà che passi del tempo prima che vi faccia meno male, però alla fine starete meglio. Non continuate a incolparvi e sentirvi inferiori, privi di valore, soltanto perché non siete ancora riusciti a trovare qualcuno con cui restare insieme per tutta la vita. Imparate dai vostri errori, in modo da evitare di rifarli e ricominciate a vivere serenamente. Se una storia è finita, vuol dire che è arrivata l’ora di cambiare, non eravate destinati a rimanere insieme. Dovete staccarvi da quella persona e non pensare più ai perché. Si parla sempre di scelte, le nostre azioni sono il risultato di una scelta e ogni persona vive la stessa situazione in modo diverso, in base alle proprie prospettive. Siamo diversi uno del altro nel sentire e agire. L’agire altrui può avere un significato completamente diverso da quello attribuito da noi. I perché non hanno più senso… continueranno soltanto a farvi soffrire e pensare in modo negativo. È finita. Accettate! Accettate la situazione e sarete liberi. Accettate e tenetevi la mente occupata con nuove cose. È ora di cambiare. Non ha più importanza nemmeno di chi sia stata la colpa. Non servono le colpe, non aiutano, non hanno più importanza. Si ricomincia, ma questa volta in modo migliore, pensando al vostro bene, basandovi sulle proprie forze, diventando più forti e con tanta fiducia e rispetto per voi stessi. Non cercate subito un’altra persona, ma cercate voi stessi. Fate pace con voi e inseguite ciò che vi fa stare bene. Quando avrete imparato ad apprezzarvi, a non dipendere dei pareri altrui e avrete rafforzato la vostra autostima, avrete ottenuto tutto il necessario per vivere felici e attrarrete a voi anche persone che vi rispetteranno e ameranno. Rivolgetevi a voi stessi ogni giorno dicendovi: io valgo tantissimo, sono importante, mi rialzerò e non mi farò più del male attraverso i miei pensieri e le mie azioni, lo devo a me stesso. Ripetetelo finché non sarà diventato una convinzione.
Se ci comportiamo con gentilezza, senza rancore, staccandoci da tutto ciò che interferisce con la nostra felicità e impariamo a lasciare andare tante cose, di cui alla fine possiamo fare al meno, ci libereremo da grossissimi pesi.
Date un significato alla vostra vita. Fatela valere, lasciando un bel segno del vostro passaggio in questo mondo. Vivete! Non fate passare le giornate rimproverandovi, attribuendovi colpe e rimpiangendo cose o persone perse. Vivete oggi. Iniziate a mettere i primi mattoni della vostra nuova vita. Colorateli.

Alzate il vostro bel sguardo e sorridete! Fate sorridere la vostra anima. Adesso, non aspettate nemmeno un minuto in più. Uscite di casa e sorridete alla natura, buttatevi su un prato e respirate un’aria nuova, pulita. Liberate la vostra mente e caricatevi con una buona dose di ottimismo. È meglio passar da folle che star male. Non vale la pena continuare a soffrire, voi meritate molto di più.
Liberatevi! Alzatevi! Dentro di voi troverete tutto quello che vi serve.

Un caldo abbraccio,
Giorgiana.

Foto da Pinterest

Tâtonnement

Tâtonnement, parola molto celebre in pedagogia, usata da Freinet per esprimere l’apprendimento infantile. Descrive la mente come un’acqua che scorre libera, in cerca di un alveo in cui incanalarsi, e che va a “tentoni” fino a quando non sia finalmente indirizzata a una meta.
Se da bambini ci vengono offerti i “canali” che ci aiuteranno nel nostro percorso di crescita, da grandi possiamo e dobbiamo continuare a crearli, con l’aiuto dell’immaginazione, dandoci sempre dei nuovi, precisi obiettivi da raggiungere e iniziare a scorrere nella direzione scelta, percependo già la sensazione di averli ottenuti. Continuando a fluire in questo modo, non c’è dubbio che l’universo ci creerà i giusti alvei, che, con un po’ di perseveranza ci porteranno alla realizzazione dei nostri sogni.
La nostra mente è potentissima e ciò che immaginiamo e a cui pensiamo spesso, creerà il nostro futuro.
Provate a pensare sempre in modo positivo!
Un caldo abbraccio,
Giorgiana.

Foto da Pinterest

Gestire la rabbia

Leggevo seduta fuori sul terrazzo, sotto la luce del sole e come fondo fonico sentendo il cinguettio degli uccelli, il rumore delle macchine e ogni tanto le voci delle persone. All’improvviso fui disturbata dai latrati, latrati umani… aspettai un attimo con la speranza che smettessero, ma ahimè erano destinati a una lunga espressione rabbiosa. Due anime si urlavano contro, la propria verità. Ogni tipo di frustrazione genera rabbia. L’”Io” è ciò che gestisce tutte le attività psichiche ed è anche il meccanismo di difesa che entra in azione appena c’è qualcosa che minaccia la nostra realtà. Se l’ego viene ferito, molti agiscono così, inferociti, non controllandosi più, nemmeno di fronte agli sguardi impauriti dei bambini.
E cosa si ottiene reagendo in questo modo? Niente di buono, soltanto altro malore psichico, altri urli, altre sofferenze, perché lo scopo del aggredire verbalmente è proprio quello di far male al destinatario e anche se una volta calmati ci si pentirà delle parole dette, scusandosi, il male fatto resterà comunque.
Ogni volta che c’è qualche interferenza nella nostra serenità c’è anche una lotta interiore dentro di noi e dobbiamo provare a restare presenti mentalmente al nostro stato emozionale. Abbiamo la possibilità di scegliere di non far del male, di non essere violenti nelle parole o nelle azioni, scegliere di non rispondere alle provocazioni.
La rabbia ci dice che qualcosa va cambiato e nello stesso tempo è un segnale anche per gli altri che c’è un problema, ma possiamo decidere di evitare di discutere quando siamo furiosi, dicendo all’altro semplicemente di parlare più tardi, quando saremo più calmi. In ogni momento della nostra giornata, qualsiasi cosa ci succeda, noi abbiamo il potere di scegliere come reagire e ne siamo responsabili.
Ciò che è importante da fare per evitare di arrivare a situazioni di estrema rabbia è lavorare sulla propria crescita personale, quindi volersi bene, calmare la mente, credere in se stessi e valutare le proprie azioni in modo migliore, per far crescere l’autostima. Se sai ciò che vali e ti senti bene nella tua pelle, non hai bisogno di urlarlo a chi ti sta accanto.

Buone scelte e un caldo abbraccio,
Giorgiana.

Foto da Pinterest :))

Viviamoci in pienezza ogni amore

Ci sono tante persone a cui piace regalare belle emozioni e io mi sento fortunata, perché ogni tanto le incontro. Fausto Corsetti è uno di loro. Sotto forma di commento ai miei​ scritti, pur non conoscendomi personalmente, ogni tanto mi regala le sue meravigliose riflessioni. Oggi ho deciso di condividere​ con voi una di esse, sperando che vi piaccia quanto piace a me.

AMORE CARO AMORE BELLO
di Fausto Corsetti
Penso che l’esperienza della bellezza avvenga solo eccezionalmente o in certi periodi della vita. È quello che provano, ad esempio, il padre o la madre quando hanno bambini piccoli: è una continua sorpresa, una continua scoperta della bellezza, che diventa bisogno di abbracciarli, di baciarli per trattenere qualcosa di loro dentro di sé. Allo stesso modo quando siamo innamorati e osserviamo incantati il volto, il corpo, il modo di parlare, di camminare della persona amata e siamo grati che ci sia stato concesso un tale dono, un tale incredibile privilegio. L’amore ci rende capaci di vedere con altri occhi anche la bellezza del mondo che ci circonda. Qualcuno sostiene che è un’illusione, che quando siamo innamorati proiettiamo sul mondo le nostre fantasie, ma io credo invece si rafforzino le nostre capacità di osservare e ascoltare. E, quando facciamo un viaggio o solo una passeggiata con la persona di cui siamo innamorati scopriamo, come una rivelazione, la stupefacente bellezza dei tetti delle case di un paesino che visitiamo, l’incanto delle falde di una montagna che precipita in un bosco, il fuoco di un tramonto o la dolce poesia di un campanile immersi nell’azzurro che non avremmo mai guardato. E tutto si moltiplica se ne parliamo, se condividiamo questi pensieri e queste emozioni con la persona che amiamo. E, quando cogliamo la bellezza di un paesaggio o di un’opera d’arte da soli, abbiamo un’esperienza che è in qualche modo affine all’incanto, al rapimento d’amore. In quell’istante è come se cadessero le barriere che ci isolano dal mondo e l’essenza dell’oggetto irrompe, si impossessa di noi. Come nell’amore quando entriamo in contatto diretto con la natura più profonda dell’altro, ne cogliamo l’incredibile, stupefacente unicità. Non c’è da meravigliarsi quindi se l’amore ci conduce a vedere la bellezza. Perché ci apre gli occhi, ci spalanca il cuore, ci pone in relazione con la realtà.
Avviene l’opposto se invece siamo chiusi in noi stessi, tristi, diffidenti perché quando il nostro cuore è chiuso, sono chiusi anche i nostri occhi. E possiamo passare davanti alle più stupefacenti meraviglie della natura, alle più straordinarie opere d’arte senza vedere, senza sentire. Non spaventa il nuovo che viene, non sarà facilmente dimenticato il giorno che è passato, se solo riusciamo ad ascoltare, tra fragilità, apprensioni e incertezze, che il nostro nome è scritto sul palmo della mano della persona amata.
Ogni stagione ha il proprio amore, ogni amore la propria stagione. Ogni stagione della vita è bella e significativa, e non solo la giovinezza fresca e aitante, come vuole convincerci un eterno luogo comune e una pubblicità fatta solo di corpi levigati e frementi dai quali è cancellato ogni segno del tempo. L’autunno, ad esempio, ha forse colori più belli e atmosfere più intense rispetto allo splendore chiassoso, fin eccessivo dell’estate e alla freschezza acerba della primavera. Dunque, viviamoci in pienezza ogni amore in ogni stagione della vita, senza nostalgie o frenesie: c’è sempre un fiore, un’emozione, una bellezza che ci attende, una sorpresa per ogni fase dell’esistenza.

Un caldo abbraccio,
Giorgiana.

Relazioni interpersonali virtuali…

Stavo riflettendo su questo bel mondo che si chiama Internet… mezzo comunicativo di grande efficacia, che ormai fa parte di tutti noi. È un mondo in cui normalmente ci comportiamo in base alle norme sociali basilari, quelle assimilate durante il processo di socializzazione, continuando a essere noi stessi, con la propria identità. Normalmente, ma ahimè non sempre …
Tante volte i partecipanti di una comunità virtuale assumono identità, ruoli diversi da quelli reali. Si può interagire con gli altri in perfetto anonimato, creandosi un vero personaggio, un’identità parallela, perché nel mondo virtuale tutto è possibile. Quello del mascheramento dell’identità è un fenomeno molto interessante. I nostri blog o homepage personali possono essere visti e letti da chiunque abbia accesso a Internet e noi possiamo fornire qualsiasi identità. Abbiamo il potere di presentarci come vogliamo, nascosti dietro a qualsiasi maschera. E se questa cosa, da certi punti di vista può essere meravigliosa, da altri potrebbe creare vari disagi, come nel caso delle relazioni interpersonali. Chi di voi non ha sentito parlare delle coppie che si sono formate partendo da un primo contatto online? Ci sono amori che nascono proprio così, nel mondo virtuale, basandosi su passioni condivise, impegni sociali, modi di pensare simili, ecc. ma, attenzione, non hanno tutte un buon finale!
Che succede se tutto quello che ci convinciamo che sia reale, convinzioni che scattano prima di tutto dalla necessità di soddisfare mancanze personali nei momenti di vulnerabilità, sono soltanto un inganno?
Le esperienze virtuali sono reali, però non implicano anche il fatto che gli attori che stanno dietro lo siano. Quei attori potrebbero giocare qualsiasi ruolo…
Penso che a volte sia bello giocare, uscire dalla monotonia sorridendo e passando del tempo con persone sconosciute, nei momenti più bui o di solitudine, però si deve fare molta attenzione a non sorpassare un certo limite, restando con i piedi ben ancorati alla realtà.
Internet è un mondo fantastico, ma va usato con precauzione!

Diffondiamo la Pace

Stavo pensando alle guerre e alle loro atrocità…
Stavo pensando, che se non avessi avuto la grossissima fortuna di essere nata e vivere in un paese europeo, ma fossi nata in Egitto, Libia, Siria, Mali, Sudan, Iran, Iraq, Yemen, ecc., sarei destinata a una vita piena di sofferenza…
Stavo pensando a tutti quei bambini innocenti, impotenti, indifesi, bambini come i miei figli, bambini che vivono nel terrore, bambini che resteranno traumatizzati a vita…
Stavo pensando a tante cose e al loro perché…
Stavo pensando anche al fatto che forse se soltanto si smettesse di fabbricare e vendere le armi (commercio che è sempre stato un ottimo business, con fatturato di miliardi di euro e che non ha mai visto periodi di crisi), forse finirebbe anche la guerra. Sarebbe un passo veramente importante, ma non basterebbe per eliminarla.
La guerra è una delle sconfitte dell’umanità, è una vergogna.

Mao Tse Tung diceva:
“Le armi sono un fattore importante nella guerra, ma non il fattore decisivo.
Sono le persone, non le cose, che sono decisive.”

Sono le persone che sono decisive… già…
Forse qualcuno di voi ha già sentito parlare o ha ascoltato la canzone di Yael Deckelbaum, cantante, compositrice e attivista per la pace, vi allego il link della sua pagina Facebook che seguo e ammiro: https://www.facebook.com/YaelDeckelbaum/?ref=page_internal
Yael, insieme a migliaia di altre donne israeliane e palestinesi di diverse religioni, l’anno scorso, dal nord di Israele a Gerusalemme ha marciato per la pace e continua tuttora a girare in vari paesi del mondo, invitando tutte le donne e artisti a partecipare al suo progetto musicale. Un progetto che mira a nutrire la voglia di cambiamento positivo in tutti noi. Lei è convinta che il potere della musica sia in grado di motivarci, di aprire i nostri cuori, di contagiarci di energia positiva che ci porti a una grande svolta. Di persone come lei, ce n’è sono tante e sono convinta che aumenteranno sempre più, perché è ciò di cui abbiamo bisogno, dobbiamo cambiare la nostra mentalità, evolverci, guardare di più le cose positive, sognare, sperare in un mondo migliore, caricarci di energie positive e arrivare tutti a ripugnare le guerre.

Vi lascio la canzone composta e cantata nell’occasione della marcia per la pace dell’anno scorso “Prayer of the mothers”  e un’altra nuova, condivisa due giorni fa.

Buon ascolto e diffondiamo tutti la pace!
Un caldo abbraccio, Giorgiana.

“La guerra non si può umanizzare,
si può solo abolire” Albert Einstein

Foto modificata
Fotografo: http://www.dorinmihai.com

Niente invidia, ma ammirazione

Diciannove anni. Mi sentivo matura, pronta per ogni nuova sfida ed ero già indipendente. Sì, indipendente perché vivevo da sola, in un piccolo appartamento in affitto. Di giorno lavoravo in un negozio di telefonia mobile, potendo vantarmi di chiamarmi Dealer Autorizzato Connex (termine che non era capito da quasi nessuno) e la sera continuavo a studiare, perché le mie aspettative erano abbastanza alte. Provenivo da una famiglia povera, quindi erano i primi anni in cui potevo permettermi di comprare più vestiti, uscire insieme agli amici e fare altre piccole cose che desideravo. Era un bel inizio per me ed ero fiera di quello che facevo, anche se non andava proprio tutto così come avrei voluto. Sapevo che un giorno sarei riuscita ad ottenere ancora di più, avrei continuato a studiare e magari sarei andata via all’estero, per guadagnare più soldi e aiutare anche la mia famiglia. Vivevo le mie giornate guardando con ammirazione tutte le persone che reputavo intelligenti o che avevano realizzato delle belle cose, le analizzavo, studiavo i loro modi di fare e poi mi paragonavo, mi mettevo in discussione e provavo a migliorare.
Ricordo tuttora un episodio per me importante. Un giorno, la mia amica dopo aver preso la patente e i suoi genitori le prestarono la macchina per andare in campagna dai nonni, mi chiese di accompagnarla. Era cosa rara vedere due giovanissime ragazze girando in macchina da sole, perché poche famiglie ne possedevano una, quindi immaginate la nostra gioia e fierezza. Faceva caldo, avevamo i finestrini abbassati, i capelli scompigliati dal vento, il cuore a mille, sorrisi stampati in viso e ci sentivamo come delle star. Attimi di completa libertà. Stimavo mia amica. Niente invidia, in quel momento lei mi stava facendo vedere quello che volevo, quello per cui avrei lottato, cioè una vita in cui avrei potuto permettermi di realizzare i miei sogni, basandomi sulle mie forze.
Sapete? Mi sto rendendo conto che tutto quello che sognavo in adolescenza l’ho ottenuto. E adesso che ci penso, sono convinta che mi abbia aiutato tantissimo anche il fatto di non invidiare le persone, ma guardarle come esempi.
Ammirando gli altri, si riconoscono in loro delle qualità che vorresti avere e che un giorno potresti conquistare. Ammirando attrai verso di te cose che vorresti. È uno stimolo positivo che ci aiuta a lottare, quindi migliorare, cambiare la nostra vita.
Concludo così: se vogliamo migliorare la nostra vita, niente invidia, ma ammirazione!

Un caldo abbraccio,
Giorgiana.

Foto modificata
Fotografo: http://www.dorinmihai.com

Essere o apparire?

Creiamo un mondo basato sull’apparenza,
sulla bellezza socialmente costruita,
un mondo finto, superficiale
invece di mettere le basi sulla bellezza interiore
e valorizzare le differenze individuali
per costruire un mondo sano, vivo, fiorente.

Creem o lume bazată pe aparențe și
pe frumusețe construită social,
o lume falsă, superficială,
în loc de a valoriza diferențele individuale
și a pune bazele pe frumusețea interioară,
pentru a construi o lume sănătoasă, vie, înfloritoare.

Foto modificata
Fotografo: http://www.dorinmihai.com

 Giorgio Gaber – La libertà

Chi è che non brama la libertà? Tutti la bramiamo, ma a volte è difficile ottenerla perché siamo incatenati dai propri pensieri, valori morali, schemi mentali e vari tipi di paure, perché la libertà vuol dire anche prendere delle decisioni, prendersi le responsabilità. Quindi la nostra prigione è più che altro mentale. Essere liberi vuol dire liberare la mente, sciogliere i conflitti interni, amare, partecipare, obbedire alle regole universali senza che nessuno ce lo imponga ma perché guardando dentro di noi riconosciamo il bene.
Libertà vuol dire obbedire alla propria ragione.
Bramo la mia libertà e sto lottando per ottenerla lavorando su me stessa. La sto già assaporando… mhm, è emozionante…

La vita senza libertà, è come un corpo senza lo spirito.
(Khalil Gibran)

“Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Vorrei essere libero come un uomo.
Come un uomo appena nato
che ha di fronte solamente la natura
e cammina dentro un bosco
con la gioia di inseguire un’avventura.
Sempre libero e vitale
fa l’amore come fosse un animale
incosciente come un uomo
compiaciuto della propria libertà.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche il volo di un moscone
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.

Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come un uomo che ha bisogno
di spaziare con la propria fantasia
e che trova questo spazio
solamente nella sua democrazia.
Che ha diritto di votare
e che passa la vita a delegare
e nel farsi comandare
ha trovato la sua nuova libertà.

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche il volo di un moscone
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.

Vorrei essere libero, libero come un uomo.
Come l’uomo più evoluto
che si innalza con la propria intelligenza
e che sfida la natura
con la forza incontrastata della scienza
con addosso l’entusiasmo
di spaziare senza limiti nel cosmo
e convinto che la forza del pensiero
sia la sola libertà

La libertà non è star sopra un albero
non è neanche il volo di un moscone
la libertà non è uno spazio libero
libertà è partecipazione.”