Pensieri positivi

I nostri pensieri sono vibrazioni emesse nell’universo. Esse ci ritorneranno indietro attraverso situazioni che rafforzeranno i pensieri inviati, positivi o negativi. Bisogna fare attenzione al tipo di vibrazioni trasmesse, sono alte o basse?
Fate un piccolo sforzo e scegliete i pensieri positivi, sorridete, siate grati e AMATE!

Buon weekend a tutti! ☀️

Commozione elevata

Ph. by Gerald Gribbon

Mi commuovo davanti alla bellezza interiore delle persone.
Esse inondano la mia anima di energia positiva.
Ammirandole, progredisco.

Tocco melodioso

No, non è sfiorare,
ma di più.
Vellutati polpastrelli
ridestano i miei sensi.
Il corpo?
Universo si fa.
Danzando felici,
milioni di cellule
colorano l’oscurità.
Ad ogni tocco
un nuovo suono,
potente vibrazione.
Mhmm…
restiamo in questo spazio,
tu suona, premi!
Non smettere ormai…
Un fervido viaggio,
alte frequenze,
io e te.

Immagine da Pinterest

Luoghi incantati

Continuo a credere che niente succede per caso. Sembrava una normalissima giornata passata in compagnia degli amici, quella di oggi. Una passeggiata in montagna, la solita mangiata a un ristorante con ampio spazio aperto per far giocare i bambini e per finire un’altra bella camminata. Come ultima destinazione avevamo deciso di andare sul monte Saiano, a Torriana (RN). Lì hai due scelte, da una parte puoi divertirti a far volare i sassolini sulla superficie del fiume Marecchia e dall’altra puoi seguire il sentiero che ti porta in cima alla montagna, al Santuario Madonna di Saiano. Al fiume eravamo già stati altre volte, senza mai avventurarci nell’altra direzione…

Da bravi esploratori, questa volta abbiamo optato per la seconda scelta. È un luogo apparentemente simile a un’altra qualsiasi zona di montagna, ma avvicinadoti al santuario,  si respira un’atmosfera mistica e vieni invitato, prima di tutto  a mantenere  il silenzio.

Poi continuando  a salire ci s’imbatte  dentro una bellissima forma d’arte, manifestazione d’amore e devozione.

Dopodiché proseguendo, sei invitato di nuovo a mantenere il silenzio, però  questa volta con l’aggiunta della preghiera.

E finalmente contempli la magica chiesa…

Arrivata a questo punto, ero già sopraffatta da un’emozione indescrivibile…

Siamo entrati e ci siamo seduti ad ascoltare il piccolo coro che cantava, ma come si può immaginare i bambini non ne avevano voglia di restare fermi la dentro, quindi hanno cominciato ad entrare e uscire, facendo alzare anche i papà. Io non volevo andare via, non potevo… non ero sola, una delle mie amiche era rimasta lì con me, provando le stesse emozioni. Dietro di noi c’era una piccolissima stanza e alla sua domanda su cosa potesse essere, ho risposto che doveva essere il confessionale. “Dai, ma che bello, mi voglio confessare!”, fu la sua istantanea risposta. Lei che non si confessava da vent’anni e proprio come me, non frequenta nemmeno le chiese, all’improvviso voleva confessarsi. Le ho detto di andare e qualche secondo dopo, avvicinandosi al prete, l’ho sentita chiederglielo e con un grande sorriso la vedo sparire dietro la porta…

Fuori pioviggionava e siccome la strada di ritorno era lunga bisognava andar via. Entrarono le bimbe per chiamarci ed io le dissi di andare avanti con il resto del gruppo e restai lì, in uno stato di beatitudine e con gli occhi umidi… il coro continuava a cantare.

Ho pianto… non riuscivo a smettere.

Dal 2001 ad oggi, in chiesa sono entrata soltanto per due funerali e un matrimonio.

Le conclusioni? Le lascio a voi…

Giorgiana

Gestire le emozioni

Siamo talmente condizionati dalle nostre abitudini quotidiane che continuiamo a pensare e organizzare la nostra vita, convinti di non avere nessun controllo. Vediamo ciò che pensiamo sia possibile, senza renderci conto che dentro di noi c’è un mondo vibrazionale che influenza tutta la nostra realtà. Questo mondo interiore è  creato dalle nostre emozioni e pensieri. Se noi esseri umani, impareremo a gestire e indirizzare in modo consapevole le proprie emozioni, saremo capaci di cambiare la propria realtà, perché sono i nostri stati d’animo a determinare le circostanze esterne e non il contrario.
Le emozioni positive sono fonte di benessere, esercitano un immenso potere sul nostro corpo e sul mondo, nutriamole, facciamole diventare abitudine, provando a eliminare i pensieri negativi.
Un sorriso e buona giornata!☀️

Emozione

86469127e9d38d413a9881e8ecca4fe1.jpg
Immagine da Pinterest


Ma come fa?
Come ci riesce?
Si è innescata
impadronendosi di me,
in men che non si dica.
Ha disteso il mio viso
e il cuore pulsa più rapidamente.
Il suo è un sapore speciale…
una breve ondata di estremo piacere.
Eppure,
è soltanto un’emozione.

                      – Giorgiana – ♡

 

Carezze

Mi sciolgo
sotto le tue
soavi carezze
come
i cristalli di neve
al calor
della pelle.

Giorgiana



Foto da Pinterest


Gestire la rabbia

Leggevo seduta fuori sul terrazzo, sotto la luce del sole e come fondo fonico sentendo il cinguettio degli uccelli, il rumore delle macchine e ogni tanto le voci delle persone. All’improvviso fui disturbata dai latrati, latrati umani… aspettai un attimo con la speranza che smettessero, ma ahimè erano destinati a una lunga espressione rabbiosa. Due anime si urlavano contro, la propria verità. Ogni tipo di frustrazione genera rabbia. L’”Io” è ciò che gestisce tutte le attività psichiche ed è anche il meccanismo di difesa che entra in azione appena c’è qualcosa che minaccia la nostra realtà. Se l’ego viene ferito, molti agiscono così, inferociti, non controllandosi più, nemmeno di fronte agli sguardi impauriti dei bambini.
E cosa si ottiene reagendo in questo modo? Niente di buono, soltanto altro malore psichico, altri urli, altre sofferenze, perché lo scopo del aggredire verbalmente è proprio quello di far male al destinatario e anche se una volta calmati ci si pentirà delle parole dette, scusandosi, il male fatto resterà comunque.
Ogni volta che c’è qualche interferenza nella nostra serenità c’è anche una lotta interiore dentro di noi e dobbiamo provare a restare presenti mentalmente al nostro stato emozionale. Abbiamo la possibilità di scegliere di non far del male, di non essere violenti nelle parole o nelle azioni, scegliere di non rispondere alle provocazioni.
La rabbia ci dice che qualcosa va cambiato e nello stesso tempo è un segnale anche per gli altri che c’è un problema, ma possiamo decidere di evitare di discutere quando siamo furiosi, dicendo all’altro semplicemente di parlare più tardi, quando saremo più calmi. In ogni momento della nostra giornata, qualsiasi cosa ci succeda, noi abbiamo il potere di scegliere come reagire e ne siamo responsabili.
Ciò che è importante fare per evitare di arrivare a situazioni di estrema rabbia è lavorare sulla propria crescita personale, quindi volersi bene, calmare la mente, credere in se stessi e valutare le proprie azioni in modo migliore, per far crescere l’autostima. Se sai ciò che vali e ti senti bene nella tua pelle, non hai bisogno di urlarlo a chi ti sta accanto.

Buone scelte e un caldo abbraccio,
Giorgiana.

Foto da Pinterest :))

Viaggio (Călătorie)

Mentre ricordo, piacevoli emozioni mi accompagnano… sorrido. Dovrò  ritornare, ma con molto più tempo a disposizione.

Viaggio del 7 – 8 agosto 2015

Un giorno e mezzo… un giorno e mezzo di emozioni, ricordi, assaggi, SENTIRE…
Un breve viaggio in Romania, parte molto importante di me, viaggio dentro me stessa. Quel viaggio che aspettavo da troppi anni, undici e mezzo, per precisione.
Poco dopo il mio arrivo, ho avuto l’occasione di cenare in un posto meraviglioso, la “Locanda degli escursionisti”, che sembrava non c’entrasse niente con il resto della città e tra vari cibi, ho assaporato uno che conteneva ciò che nello stesso istante mi ha riportato nella mia infanzia, una spezie… una sola spezie e mi trovavo lì, assieme alla mia nonna, in campagna, in un luogo felice. Magico…
Nella stessa sera ho visitato il centro di Bucarest, le sue magnifiche fontane d’acqua che giocavano con i colori nel buio della notte, palazzi giganteschi e viali del vecchio centro, pieni di locali, gente, vita… mi sono sentita straniera, turista straniera, non conoscevo niente, riuscivo soltanto a capire tutto quello che si parlava, però sembravo appartenere ad altri luoghi. Soltanto il giorno seguente mi avrebbe riportato nei posti a me famigliari.
Pochissime ore di sonno per colpa delle emozioni, ed eccomi in macchina verso… ME. Avevo bisogno di ricordare le vie, posti in cui ho vissuto ed ecco che appena raggiunta l’entrata della città, dentro la mia testa si è aperta un’intera mappa. Non ci potevo credere. Erano anni che non riuscivo a ricordare. Sapevo tutto! Era bastato avvicinarmi fisicamente ai miei vecchi posti per riavere i ricordi. Non so esprimere le mie emozioni, forse in quel momento ero come un bambino che aveva appena ricevuto qualcosa che desiderava con ardore. Ho ripassato tutti i luoghi per me importanti ed espressivi… wow! WOW! Che gioia! Se un cuore potesse veramente esplodere di troppe emozioni, quello era il momento adatto.
Siccome il mio viaggio sarebbe finito con l’incontro dei colleghi delle superiori, non poteva mancare nei miei futuri ricordi la foto che ho allegato, scattata sulla panchina del liceo, dove ho passato quattro importantissimi anni e creato forti legami con persone che fanno parte di me tuttora. Ero impaziente di rivederli. Molti di loro non li vedevo dal 1999. Altre emozioni infinite, altri ricordi… ho ritrovato anime come me, contente, felici di rivederci e riabbracciarci. Eravamo quasi come nei tempi del liceo. Leggermente cambiati fisicamente, però sempre noi, li stessi. In quelle ore passate assieme, mi sono sentita come sedici anni fa. Cambiamo, ci lasciamo modificare dalle situazioni, società, persone incontrate nel nostro cammino, abbiamo sfumature diverse, però il nostro spirito è lo stesso e non aspetta altro che essere ritrovato.
Ho ritrovato gran parte di me stessa. Sono io, Gio, la bambina, l’adolescente sempre sorridente, ottimista e felice di vivere… un corto viaggio si direbbe. È stato il viaggio più significativo e importante che potessi fare. Un tuffo dentro di me.
Un giorno e mezzo pieno, pienissimo di emozioni … ciò che ci rende felici!

***

In timp ce-mi amintesc, emotii placute ma atraverseaza… zambesc. Trebuie să mă reîntorc, dar cu mult mai mult timp la dispoziție.

Călătoria din 7 – 8 august 2015

O zi și jumătate, o zi și jumătate de emoții, amintiri, gustări, TRĂIRI…
O scurtă călătorie în România, parte foarte importantă din mine, călătorie înăuntrul meu. Acea plimbare pe care o așteptam de prea mulți ani, unsprezece și jumătate cu exactitate.
Puțin timp după sosirea mea, am avut ocazia să mă așez într-un loc minunat, “Hanul drumeților”, care părea fără legătură cu restul orașului și printre diferite mâncăruri am gustat acel ceva ce m-a dus în același instant, cu mintea în copilărie. Eram din nou copilă… un simplu condiment, mărarul, m-a recondus acolo, cu bunica la țară, într-un loc fericit. Moment magic.
Apoi am vizitat Bucureștiul cu minunatele fântâni de apă, care se jucau cu culorile în întunericul nopții, palatul, construcții enorme și străduțele din vechiul centru, pline de locande, lume, viață… m-am simțit străină, turistă străină, nu cunoșteam nimic, reușeam doar să înțeleg tot ce se vorbea și totuși mă simțeam ca și cum aparțineam altor locuri. A doua zi urma sa mă va readucă în locuri mie familiare.
Puține ore de somn,din cauza emoțiilor și iată-mă în mașină, spre… MINE.
Aveam nevoie să-mi reamintesc străzile, locurile în care am trăit și de cum am ajuns la intrarea orașului, în creierul meu s-a deschis o întreagă hartă. Nu reușeam să cred. Erau ani de zile de când mă străduiam să-mi amintesc, fără rezultate… Acum știam tot! A fost suficient să mă apropii fizic de ceea ce-mi lipsea, pentru a reavea amintirile mele. Nu știu să-mi exprim prea bine senzațiile, dar cred că eram ca un copil mic, care primise un cadou pe care-l aștepta cu nerăbdare de foarte mult timp.
Am trecut prin toate locurile pentru mine semnificative… wow!WOW! Ce bucurie! Dacă o inimă ar putea exploda, acela era momentul potrivit.
Cum că această călătorie urma să se termine cu reîntâlnirea colegilor din liceu, nu putea lipsi din viitoarele mele amintiri o fotografie, cea atașată, făcută pe banca liceului unde am petrecut patru ani importanți și am strâns relații importante cu persoane care încă mai fac parte din mine. Pe mulți nu-i întâlneam din 1999. Alte infinite emoții, altre amintiri… Am regăsit suflete ca mine, bucuroase, fericite de a ne reîntâlni și îmbrățișa. Eram aproape ca-n timpul liceului. Un pic schimbați fizic, dar noi, aceeași. În acele ore petrecute împreună m-am simțit ca pe timpul adolescenței.
Ne schimbăm… ne lăsăm modelați de situații, societate, persoane întâlnite pe parcursul nostru de viață, avem culori, nuanțe diferite, dar spiritul nostru este același și nu așteaptă nimic altceva decât să fie regăsit.
Am regăsit o parte din mine. Sunt eu, Gio, aceeași, copila, adolescentă mereu zâmbitoare, optimistă și fericită de a trăi nenumărate sentimente.
S-ar spune o călătorie scurtă…
A fost călătoria cea mai semnificativă, importante, pe care aș fi putut-o face.
O scufundare în mine. O zi și jumătate plină, foarte plină de emoții… ceea ce ne face fericiți!