Carezze

Mi sciolgo
sotto le tue
soavi carezze
come
i cristalli di neve
al calor
della pelle.

Giorgiana



Foto da Pinterest


29 pensieri su “Carezze

  1. fausto

    La mano che si fa carezza: in quel momento tutto si ferma. Anzi, comincia qualcosa che non ha fine. E accadrà a chiunque, chiudendo gli occhi, di sentirsi guardato, vegliato, mentre il suo cuore vola, alto, lontano, sicuro, appagato.
    A quel punto, sembrerà di abitare gli spazi, tutti gli spazi; le cose, tutte le cose; i cuori, tutti i cuori, soprattutto il proprio. Si riuscirà ad avvertire, pronunciato in un modo che non si può dimenticare, il proprio nome.
    Questo è il desiderio, questo è il tempo, questo è il presente, questo è il futuro che si compie: il nostro nome. Null’altro.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...