Ricordo lontano di un risveglio notturno

image

Boom! Boom! Boom! Fortissimi battiti nella mia finestra e subito dopo nella porta d’entrata mi fecero tornare nel mondo reale. Era notte fonda e nella mia mente ci fu un’esplosione d’emozioni improvvisa, che in pochi secondi riuscì a trasformarmi in una bambina impaurita. Rabbrividì e mi raggomitolai sotto le coperte.
“Aprite, aprite immediatamente!” gridava una voce familiare. Era mio padre.
Un attimo dopo, la nonna gli aprì e lo fece accomodare nel corridoio. Io restai nel letto, immobile, silenziosa, ascoltando come un sottofondo, il suo racconto. Dei maledetti scheletri del cimitero vicino, avevano deciso di scomodarsi per inseguirlo nel buio della notte. Gli avevano corso dietro fino a casa …
Provai ad abbassare i battiti del mio cuore, trattenere le lacrime e richiusi gli occhi. Non dovevo preoccuparmi, era soltanto colpa della sua malattia …

Foto: http://www.dorinmihai.com

3 pensieri su “Ricordo lontano di un risveglio notturno

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...